Olginate dice SI al PLIS

Nella giornata di martedì 21-12-2010 il consiglio comunale di Olginate ha espresso - con voto quasi unanime (solo 1 astenuto) - il suo favore al nostro progetto PLIS adottando una delibera d’intenti che da mandato alla giunta di attivarsi per tale obiettivo.
Qui di seguito il testo della delibera:


OGGETTO: COSTITUZIONE PLIS Monte di Brianza – ORDINE DELGIORNO
IL CONSIGLIO COMUNALE
Premesso che:
-         il territorio del Monte di Brianza/San Genesio costituisce la dorsale verde Montevecchia/Monte Barro;
-        
la Regione Lombardia, con
la Legge Regionale n. 86/1983, aveva inserito quest'area nell'elenco di quelle di particolare rilevanza naturale e ambientale e, successivamente, aveva previsto, con
la L.R. n. 32/1996, l'istituzione di un Parco Regionale;
-         la proposta è stata recepita nel 2004 dal Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Lecco che prevede la costituzione del Parco Locale di Interesse Sovraccomunale (PLIS) denominato “ Colle Brianza – S. Genesio ", corridoio ecologico fondamentale per la tutela ambientale e naturalistica della Provincia di Lecco.
Considerato che:
-         il contesto altamente urbanizzato della Brianza Lecchese tende ad accrescere notevolmente il rischio idrogeologico del nostro territorio, oltre ad aumentare il livello degli inquinanti rilasciati nell'aria e nell'acqua;
-         Il consumo o l'abbandono del territorio e del suo patrimonio naturale ha impoverito il paesaggio nell'arco di poche generazioni. Gli effetti deleteri sono diventati sempre più evidenti e ciò ha diffuso tra i cittadini una maggiore consapevolezza dell'importanza dei beni culturali ed ambientali, favorendo negli ultimi anni la nascita dei PLIS agricolo della Valletta, di S. Pietro al Monte/S. Tomaso, della Valle S. Martino e del Rio Vallone.
-         La volontà di porre un freno al degrado e all’abbandono, passa anche attraverso la tutela delle aree agricole e boschive, è già parte pregnante dei singoli P.G.T. deliberati o in corso di predisposizione.
Rilevato che:
-         la tutela proposta  per il Monte di Brianza nasce dalla volontà dei cittadini e delle Amministrazioni con lo scopo di valorizzare questo territorio, conservandone il paesaggio tradizionale, l'architettura rurale, la flora e la fauna, le coltivazioni e l'equilibrio tra l'uomo e l'ambiente;
-         iI PLIS "Monte di Brianza" darà inoltre impulso all'economia locale promuovendo un turismo ecocompatibile per la corretta fruizione del territorio stesso, che può offrire una vasta scelta di percorsi finalizzati allo svago salutare e all'educazione ambientale. Si deve considerare che i prati, i boschi ed i coltivi di questo territorio sono frutto di un'azione continua e ragionata dell'uomo per diversi secoli. Gli equilibri creati faticosamente e mantenuti per tanto tempo dai nostri avi richiedono interventi continui e manutenzione costante: ecco pertanto la necessità di progettare (prima) programmare e mettere in atto (poi) tutte le pratiche che mirano all'attuazione del piano di conservazione, in una precisa assunzione di responsabilità che, in forma coordinata, superi il disinteresse e la sporadicità degli interventi.
Rilevato altresì che è questa visione comporta il coinvolgimento degli abitanti, dei coltivatori, dei cacciatori, dei proprietari, delle associazioni che riconoscono nell'attuazione del PLIS un interesse proprio e condiviso, anche attraverso la costituzione di una consulta.
Dato atto che  attraverso la costituzione del PLIS è possibile accedere ai finanziamenti dell'Unione Europea allargando gli orizzonti progettuali ed esecutivi (come ad esempio è stato fatto con il finanziamento del ripristino del "sentierone"  Montevecchia - Monte Barro ottenuto recentemente dagli omonimi Parchi).;
DELIBERA
-          Di dare mandato alla Giunta Comunale affinchè avvii le consultazioni con le  Amministrazioni Locali e le altre istituzioni coinvolte dal progetto con il coordinamento della Provincia, che dovrà riconoscere il PLIS su domanda dei comuni, in modo di dare concreta attuazione alla creazione di una struttura convenzionata, come avviene già per altri servizi, che consenta la realizzazione degli obiettivi precisati in premessa nella forma di un PLIS.

Non possiamo che dirci soddisfatti per l’iniziativa di Olginate che, proponendosi come apripista nei confronti degli altri comuni interessati, dimostra una reale volontà di agire concretamente per la realizzazione del progetto PLIS, anche in considerazione del favore che tale delibera ha incontrato presso tutte le parti politiche in consiglio, dove si è registrata l’intesa tra maggioranza e opposizione.

Commenti

Aggiungi un commento